Premio Nazionale Elio Pagliarani 2018 - opere selezionate

30/06/2018

consulta il comunicato stampa del 20 giugno inerente le raccolte selezionate dal Comitato organizzativo per la quarta edizione del Premio

ecco le biografie dei poeti:

SELEZIONATI POESIA EDITA

 

Luca Baldoni Sale del ricordo, Lieto Colle

Nato a Napoli (1973), è cresciuto a Firenze e ha in seguito vissuto a lungo in Irlanda, Germania e Inghilterra.

Le sue raccolte di poesia sono Sensi diversi (Lietocolle, 2004 – Premio Camaiore Opera prima) e Territori d’oltremare (La Meridiana, 2008 – Premio Sandro Penna per l’inedito).

Ha tradotto Goethe e Christina Rossetti e curato Le parole tra gli uomini. Antologia di poesia gay italiana dal Novecento al presente (Robin 2012) di cui è di recente apparsa la seconda edizione. Collabora con la rivista francese “Inverses” ed è membro del comitato editoriale di “The Florentine Literary Review”.

 

Corrado Benigni Tempo riflesso, Interlinea

Nato nel 1975 a Bergamo, dove vive e lavora. Ha pubblicato i libri di poesia: Tempo riflesso (Interlinea 2018), Tribunale della mente (Interlinea 2012) e Alfabeto di cenere (LietoColle 2005). Nel 2010 la sua silloge Giustizia è stata inclusa nel Decimo Quaderno italiano di poesia contemporanea (Marcos y Marcos). Sue poesie sono tradotte in inglese e spagnolo. Suoi testi sono apparsi su diverse riviste specializzate italiane ed estere. Con la raccolta Tempo riflesso ha vinto il Premio Europa in Versi 2018.

 

Maria Borio L’altro limite, Lieto Colle

Nata nel 1985, è dottore di ricerca in Letteratura italiana contemporanea. Sue poesie si leggono nel «XII Quaderno di poesia italiana contemporanea» (Marcos y Marcos 2015). Ha pubblicato la plaquette L’altro limite (pordenonelegge-LietoColle 2017) e una raccolta è in uscita nella collana «Lyra giovani» di Franco Buffoni (Interlinea 2018). Ha scritto su Vittorio Sereni, Eugenio Montale e diversi poeti contemporanei, e ha pubblicato le monografie "Satura". Da Montale alla lirica contemporanea (Serra 2013) e Poetiche e individui. La poesia italiana dal 1970 al 2000 (Serra 2018). Cura la sezione poesia di «Nuovi Argomenti».

 

Franco Buffoni Poeti, Lieto Colle

Ha pubblicato Suora carmelitana 1997, Il profilo del Rosa 2000, Guerra 2005, Noi e loro 2008. L'Oscar Poesie 1975-2012 raccoglie la sua opera poetica. Con Jucci 2014 ha vinto il Premio Viareggio. Nel 2015 sono apparsi Avrei fatto la fine di Turing e O Germania 2015. È autore dei romanzi Zamel 2009, Il servo di Byron 2012, La casa di via Palestro 2014, Il racconto dello sguardo acceso 2016. Del 2017 l'opera teatrale Personae. Del 2018 il libro-intervista Come un polittico e il libro di poesia La linea del cielo. Il suo sito è www.francobuffoni.it

 

Gaetano Delli Santi Acque da squarto, D’ambrosio

Nasce a Foggia nel 1959, vive a Milano. Autore di narrativa, poesia, prosa, saggistica letteraria e artistica, teatro. Ha fondato la rivista Kiliagono (Scheiwiller, 1991). Vincitore del Premio Feronia (1993) per la narrativa (Defungi scelere, Napoli). Tra le sue opere: Fra’ Giordano Bruno redivivo (D'Ambrosio 2001) da cui l’omonimo spettacolo teatrale a Roma (2003) e il lungometraggio digitale (2005) regia Claudio Pappalardo; Il resto ve lo dirò dal mànfano (Scheiwiller 1995); Il tramonto s’inferifoca (Milano 2014); La forza generativa del Barocco (Milano 2006).

 

Paola Silvia Dolci Ingrandimento delle immagini Oedipus

E’ ingegnere civile, diplomata presso il Centro Nazionale di Drammaturgia. Collabora con riviste letterarie. Direttore responsabile della rivista indipendente Niederngasse. Ha tradotto Kumin, Kinnell, Guez Ricord e Camus. Nel 2015 ha partecipato a Ritratti di Poesia, nel 2017 a RicercaBo 2017.

Finalista ai Premi Myosotis e Bologna in Lettere, è vincitrice del Premio Guido Gozzano, sezione poesia inedita. Autrice di Bagarre – Lietocolle ed., 2007; NuàdeCocò – Manni ed., 2011; Amiral Bragueton - Italic Pequod ed., 2013; I processi di ingrandimento delle immagini – Oèdipus ed.,  2017

 

Fabio Donalisio Ambienti saturi Amos edizioni

Nato nel 1977 in provincia di Cuneo. Ha pubblicato miti logiche (ExCogita, 2007), la pratica del ritorno (in Poesia contemporanea, XI quaderno italiano, Marcos y Marcos, 2012), nulla più e nulla meno (Isola, 2013, con i disegni di Marco Corona), ambienti saturi (A27/Amos, 2017) e il libro delle cose (Aragno, 2018). Cura le pagine letterarie di "Blowup" ed è tra i fondatori del progetto editoriale Nervi. Cammina.

Rita R. Florit Nyctalopia La camera verde

Nata nel 1958, ha pubblicato Nyctalopia, La Camera verde (2018); Cardini, La Camera verde (2018); Passo nel fuoco, Edizioni d’if (2010 - Premio Mazzacurati-Russo), Lezioni inevitabili, Lietocolle (2005). Presente in varie antologie tra cui Registro di Poesia n.2, Edizioni d’if (2009) e Parabol(ich)e dell’ultimo giorno. Per E. Villa, Dot.com Press-Le voci della luna, (2013). Ha tradotto Ghérasim Luca, Joyce Mansour, Benoît Gréan, Gili Haimovic. Ha realizzato i videopoemi Inside me-mories (2018), Aestas (2016), Passionnement (2015), 

Crypta (2010), Twin video (2008), Varchi del rosso (2006), Lezioni inevitabili (2005).

 

Mariangela Guatteri Tecniche di liberazione Tielleci Editrice

(Reggio Emilia, 1963) Insegna la disciplina dello Yoga che considera attività propedeutica anche a quella dello scrivere. Si occupa di varie altre cose, come ha sempre fatto nel corso della vita perché congeniale alla sua modalità di ricerca. L’indagine punta alla realtà e tenta di rilevare i meccanismi condizionanti, per la mente e l’agire umano, in cui tanto il pensiero quanto il linguaggio sono fortemente implicati. Questa è la radice politica del suo lavoro poetico e artistico. Alcuni suoi testi sono stati tradotti in francese, inglese, serbo, greco e svedese. Nel 2011 ha vinto il Premio Lorenzo Montano.

Francesco Indrigo Nissun di nun Samuele editore

Risiede a San Vito al Tagl.to (Pn). Ha pubblicato in riviste, antologie e quaderni sparsi. Nel 2001 la raccolta “Matetâs” pref. di G. M. Villalta (Nuova Dimensione ed.), nel 2005 “Foraman” pref. di G. Scialino (Campanotto ed.), nel 2008 “Foucs” pref. di G. Scialino (New Print ed.), nel 2009 “Revòcs di tiara” pref. di M. Turello (Kappa Vu ed.), nel 2013 “La bancia da li’ peraulis piardudis” pref. di R. Pellegrini (Kappa Vu ed.), nel 2018 “Nissun di nun” pref. di G. M. Villalta (Samuele ed.). Fa parte del gruppo di poesia/laboratorio “Majakovskij”, con il quale ha pubblicato quattro libri.

 

Franca Mancinelli Libretto di transito Amos edizioni

(Fano, 1981). Autrice dei libri di poesia Mala kruna (Manni, 2007), Pasta madre (con una nota di Milo De Angelis, Nino Aragno, 2013), Libretto di transito (Amos edizioni, 2018) – in uscita in traduzione inglese presso The Bitter Oleander Press (Fayetteville, New York) con il titolo The Little Book of Passage. Un’edizione rivista dei suoi due primi libri è raccolta in A un’ora di sonno da qui (Italic pequod, 2018). Suoi testi sono compresi nell’antologia Nuovi poeti italiani 6, a cura di Giovanna Rosadini (Einaudi, 2012) e, con introduzione di Antonella Anedda, nel XIII Quaderno italiano di poesia contemporanea, a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos, 2017).

 

Vittoriano Masciullo Dicembre dall’alto L’Arcolaio

Nato a Roma nel 1968, vive a Bologna. Sue poesia sono state pubblicate su Alfabeta2, Private, L'alfabeto di Atlantide, Versanteripido, Poetarum Silva e Versodove.

E' presente in "Poesie del Navile" (ed. Moby Dick, 1997) e nella plaquette "E' così l'addio di ogni giorno" (ed. Corraini, 2015). Collabora alla redazione della rivista Versodove.

 

Guido Mazzoni La pura superficie Donzelli editore

(1967) Ha pubblicato i libri di poesia La scomparsa del respiro dopo la caduta (in Poesia contemporanea. Terzo quaderno italiano, Guerini 1992), I mondi (Donzelli 2010) e La pura superficie (Donzelli 2017) e i saggi Forma e solitudine (Marcos y Marcos 2002), Sulla poesia moderna (Il Mulino 2005), Teoria del romanzo (Il Mulino 2011) e I destini generali (Laterza 2015). È tra i fondatori e coordinatori del sito culturale «Le parole e le cose». Insegna letteratura all’Università di Siena. Vive a Roma.

 

Eleonora Pinzuti Con figure Editrice Zona

Dottore di Ricerca in Italianistica. A sua cura Bestiari di genere (Sef, 2008) e Marguerite Yourcenar sulle tracce “des accidents passagers” (Bulzoni, 2007). Poeta, esordisce con Tempi Eversi (Crocetti, 2002) ed è presente in numerose antologie e riviste, fra le quali Crocetti, Zona, «Semicerchio», «Mosaici. St. Andrew Journal of Italian Poetry» e «Poesia. Rivista Internazionale di cultura poetica». Ha pubblicato Èsodi (Poesia Contemporanea. Undicesimo Quaderno Italiano Marcos y Marcos, 2012) e Con Figure (Editrice Zona, 2018).

 

Andrea Raos Le avventure dell’allegro leprotto e Arcipelago Itaca

(1968) Ha pubblicato sette libri di cui il più recente è Le avventure dell'Allegro Leprotto e altre storie inospitali (Arcipelago Itaca, 2017). È tra gli autori del volume collettivo Prosa in prosa (Le Lettere, 2009). Ha tradotto in francese e in italiano poesia giapponese classica e contemporanea, dall'inglese e dal francese diversi autori di poesia e di prosa (in volume, in particolare Charles Reznikoff, Olocausto, Benway Series, 2014) e in francese autori italiani quali Giuliano Mesa, Nanni Balestrini e Franco Fortini. È redattore delle riviste GAMMM e Nazione Indiana.

 

Giulia Rusconi Linoleum Amos edizioni

Nata nel 1984 a Venezia. Sue poesie sono uscite in diverse riviste e antologie. Del 2012, per la casa editrice Ladolfi, è il suo primo libro intitolato I padri. Il secondo, Suite per una notte, è del 2014, edito da PordenoneLegge-Lietocolle. Nel 2017 esce il terzo libro, Linoleum, per la collana A27 di Amos edizioni. 

 

Enrico Testa Cairn Einaudi

Enrico Testa insegna Storia della lingua italiana all’Università di Genova. Si è interessato della lingua letteraria dell’800 e del ‘900 con particolare attenzione a Montale, Caproni, Sereni e Sanguineti. Ha studiato l’italiano pratico o di comunicazione attraverso i secoli, l’uso spregiativo degli etnonimi e il fenomeno del tabù linguistico. Su questi argomenti ha pubblicato numerosi libri e saggi. Collabora ad alcuni quotidiani. È autore di sei raccolte di poesie. Le ultime due, pubblicate come le tre precedenti da Einaudi, sono Ablativo e Cairn, rispettivamente del 2013 e del 2018.

 

Ida Travi Dora Pal, la terra Moretti & Vitali

Tra oralità e scrittura, i saggi L'aspetto orale della poesia, 2000; Poetica del basso continuo, 2015. Dal 2010, in poesia, la sequel in cinque libri sui Tolki, i parlanti, Moretti&Vitali Editori. L'atto tragico Diotima e la suonatrice di flauto, Baldini Castoldi Dalai, 2004, è Tesi di Laurea del M° Andrea Battistoni già direttore alla Scala, e libretto d’opera nel 2011. Vintage: nell’86 per Studio Metamorphosi  presenta Aggiornato definitivo per Mostra del Cinema di Venezia e Berlino; per la 1° ediz. italiana Rolling Stones Magazine cura Angolazioni, ritratti tra letteratura e musica. (tra cui Patty Smith, Demetrio Stratos, Dylan Thomas)

 

Silvia Tripodi Punu Arcipelago Itaca

(1974) Vive a Roma. Nel 2013 ha partecipato alla rassegna RicercaBo (Bologna) e nel 2014 a Ex.it. Materiali fuori contesto (Albinea, RE). Suoi testi sono apparsi sulla rete (gammm.org, Nazione Indiana, Nuovi Argomenti), su diverse riviste (l’immaginazione, Atelier, OEI, L’Ulisse, VLNA, Nioques) e su alcune antologie (Totilogia, a c. di Daniele Poletti, Cinquemarzo 2014; La parola informe, a c. di Sonia Caporossi, Marco Saya 2018). Nel 2014 ha vinto il Premio Lorenzo Montano (Poesia inedita) e nel 2015 la prima edizione del Premio Elio Pagliarani con Voglio colpire una cosa (Zona 2016). Il suo ultimo lavoro è Punu, uscito nella collana Lacustrine diretta da Renata Morresi (Arcipelago Itaca 2018).

 

Rodolfo Zucco Bubuluz Edizione del Verri

(Feltre, 1966) è ricercatore di Linguistica italiana all’Università degli Studi di Udine, città nella quale vive. È autore di saggi sulla metrica del Settecento e su poeti del secondo Novecento, alcuni dei quali raccolti nei volumi Gli ospiti discreti. Nove studi su poeti italiani (1936-2000), Aragno, 2013, e Visite al frutteto. Sulla poesia di Eugenio De Signoribus, Biblion, 2017. Ha curato I versi della vita di Giudici (Mondadori, 2000), L’opera poetica di Raboni (ivi, 2006) e Tutte le poesie di Bandini (ivi, 2018). Bubuluz, edizioni del verri, 2017, è il suo primo libro di versi.

SELEZIONATI POESIA INEDITA

 

Alessandro Burbank Variazioni per occhi che oscillano

Partecipa alla scena del Poetry Slam italiano dal 2009. Ha partecipato alla realizzazione del documentario Revolution Art Poetry in Palestina. Ha vinto il concorso di poesia erotica Baffo/Zancopè. Ha ideato con il soviet lagunare BlareOut le tre edizioni del festival di poesia e musica Andata&Ritorno a Venezia. Coltiva Ha rapporti diretti con l'avanguardia londinese esibendosi a Londra e a Edimburgo. Si è esibito al MAXXI di Roma per Estate Italiana curato da Lello Voce e Valerio Magrelli. Ha ricevuto il premio Alfonso Gatto giovani 2017. Ha partecipato all'International Young Writers Meeting a Istanbul. Ha organizzato il primo Poetry Slam a bordo di barche tradizionali per i canali di Venezia, dove ha condotto anche #Versus! International Poetry Slam a Palazzo Grassi.

Morena Coppola Psychopompi

E’ romana (1958) e si interessa di scritture non convenzionali e di arte contemporanea. Selezionata in diversi concorsi letterari. Alcune pubblicazioni: Ho Pai [s Ka]los Nai (PulcinoElefante, 2008); Sgorbie e Misericordie di Fratelli Elettrici (Formebrevi Edizioni, 2017).

 

Andrea Donaera I bordi delle cose

(Maglie, 1989) è segretario del Centro di ricerca “Pens: Poesia Contemporanea e Nuove Scritture” dell’Università del Salento. Suoi testi sono apparsi su «Nuovi Argomenti», «Minima&Moralia», «Nazione Indiana». Ha pubblicato alcune raccolte di poesia e il saggio su Elio Pagliarani Su una tovaglia lisa (L’Erudita, 2017). Nel 2018 è stato selezionato per il XIV Quaderno italiano di poesia contemporanea edito da Marcos y Marcos. Ha vinto i premi “Bologna in Lettere” e “Ossi di seppia”; dirige la collana Billie della ‘Round Midnight Edizioni ed è ideatore del festival letterario Poié.

 

Eva Macali Quattro quarti

artista intermediale nata a Siena, vive e lavora a Roma. La sua pratica di scrittura include la sperimentazione con il linguaggio e il testo. Dalla serie di sculture Faccioni (2016) è nata una rubrica di poesia per il mensile Linus. Ha scritto satira politica e di costume su l'Unità e Il Fatto Quotidiano. Cura e produce Rava vavàra, un format radiofonico mobile di arte e poesia sonora.

Lorenzo Mari Querencia

(Mantova, 1984) vive e lavora a Bologna. Ha pubblicato alcuni libri di poesia; l'ultimo è Ornitorinco in cinque passi (Prufrock Spa, 2016). È uno dei curatori dell’antologia di saggi Il presente di Gramsci. Letteratura e ideologia oggi (Galaad, 2018). Traduce dallo spagnolo e dall'inglese; la traduzione più recente è Il sogno d'inverno dell'architetto (L'Arcolaio, 2017) del poeta irlandese Billy Ramsell. Collabora con le riviste online In Realtà La Poesia, Carteggi Letterari, Fata Morgana Web e Pulp Libri.

Gabriella Musetti Un buon uso della vita

Nata a Genova è vissuta in molte città, ora a Trieste. Organizza Residenze Estive, Incontri letterari in FVG. Socia di Società Italiana Letterate, direttrice editoriale di Vita Activa (www.vitaactivaeditoria.it), collabora a riviste e antologie critiche.

Saggi: Sconfinamenti. Confini passaggi soglie nella scrittura delle donne (2008); Guida sentimentale di Trieste (2014), Dice Alice (2015), Oltre le parole. Scrittrici triestine del primo Novecento (2016).

poesia: Obliquo resta il tempo, Lietocolle (2005); A chi di dovere, La Fenice (2007); Beli Andjeo, Il Ramo d’Oro (2009); Le sorelle, La vita felice (2013); La manutenzione dei sentimenti, Samuele (2015).

 

Paolo Rabissi Inverno a Colonia

Triestino, milanese d’adozione, insegnante di Italiano e Storia nelle medie superiori. Ha pubblicato poesie e saggi critici su riviste. Ha diretto “Il Monte Analogo, rivista di poesia e ricerca” e condiretto “La Mosca di Milano”. Ha pubblicato: 2001 Città alta, prefazione di Giampiero Neri; 2005 La ruggine, il sale, prefazione di Tiziano Rossi; 2010 I contorni delle cose, prefazione di Maurizio Cucchi; 2017 la plaquette La solitudine di Schenk, con disegni di Massimo Dagnino. Condirige con Franco Romanò la rivista on line Di epica nuova Tiene un blog personale Righe e versi. E’ presente nei Questionari di poesia di Mario Fresa

 

Fabrizio Maria Spinelli Rhizotomumena

Nato a Napoli nel 1990, dove attualmente vive. Si è laureato in Filologia moderna all'Università degli studi di Torino con una tesi sulla ricezione in area anglofona dell'opera di Giacomo Leopardi. Suoi scritti sono apparsi su Nuovi Argomenti, minimaetmoralia e Nazione Indiana. Collabora con Rivista Studio.

 

Valentina Tinacci L'osso che canta

Ha pubblicato manuali, saggi e volumi di argomento letterario, in particolare su Franco Fortini. Con la plaquette Venti lucenti unghie (d’if, 2008) ha vinto il premio Mazzacurati-Russo. Lavora all’Università di Siena, dove si occupa di avviamento al lavoro, e tiene laboratori di lettura e scrittura. Collabora dal 2012 con l'associazione Aresteatro e con la recentemente fondata Compagnia indipendente di poesia e musica per reading-concerti. Due figli, un compagno, due cani, una gatta.

 

Daniela Zerbinati Le invenzioni della pietra di carne

Nasce  a Giacciano con Baruchella (RO) nel 1949, vive tra Venezia e Milano dove ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha lavorato come scenografo costumista in vari teatri tra cui la Fenice di Venezia, con la regia di Virginio Puecher.  Per molti anni si è dedicata sotto vari profili all’insegnamento di Educazione artistica. La sua scrittura immaginifica/surreale, su sottofondi socio/politici, si avvale e trama con un immaginario tra teatro e arti figurative.  E’ la prima volta che presenta al pubblico una sua raccolta poetica.

Milleitalie > Anno VIII - numero 1-3